Alla scoperta del calcio minore campano: U.S.D. Palmese

    Dalla C2 al titolo di Campione d’Italia Dilettanti. Passando per Zichai Song, e la rinascita nelle serie minori campane

    Nel lontano 1910 il tentativo di regalare alla cittadina di Palma Campania una squadra che la rappresentasse nel calcio che conta. Tanti tentativi andati a male, fino ad arrivare a quello che andò in porto. Era il 1914. Cent’anni fa nasceva la Palmese, mese più, mese meno. Il club rossonero si affaccia in C2 per ben 9 volte, l’ultima nella stagione 2003/2004. Nel suo palmares può vantare il titolo di Campione d’Italia Dilettanti, ottenuto nella stagione 2000/2001. Nell’estate del 2003 arriva a Palma Campania il grande imprenditore cinese Zichai Song, proprietario della grande catena commerciale “Cina Mercato” che opera tra Roma, Napoli e Milano. Il progetto del sig. Song è di quelli ambiziosi e, sotto certi aspetti, anche credibile. Serie B in quattro anni, uno stadio da 10 mila posti, e un centro commerciale di sua proprietà che sorgerà proprio nella cittadina di Palma Campania. Mercato scoppiettante tenendo per la categoria. Tra i tanti arriva in attacco Ciro De Cesare, calciatore che in passato aveva militato anche in serie A e serie B, e sulla panchina sedeva un volpone della categoria, Roberto Chiancone. Quella stagione però, la Palmese pur classificandosi ottava dovette subire l’umiliazione del fallimento e fu retrocessa d’ufficio in serie D. Da allora il club rossonero non è più riuscito ad affacciarsi nel calcio che conta e, anzi, al termine della stagione 2004/2005, dalla serie D subirà l’estinzione, salvo poi rinascere nel campionato di Promozione. Cinque lunghissime stagioni, fino al 2010, dove classificandosi terza viene ripescata in Eccellenza, categoria dove tutt’oggi milita. L’attuale presidenza fa a capo Salvatore Addeo, e sulla panchina della compagine palmese siede l’ex portiere (tra le tante) di Venezia, Reggina e Crotone, Salvatore Soviero. L’andamento stagionale attuale, parla di un nono posto. Non c’è che dire, la strada è ancora lunga, ma i supporters palmesi, si augurano che il cuore rossonero possa tornare a battere per battaglie più prestigiose.