Alla scoperta del calcio minore campano: F.c. Turris

    Dal trentennio di C, alla ricerca di un posto in Paradiso. Ma la risalita è dura e tortuosa

     

    In origine si chiamava Torrese, la squadra più rappresentativa di Torre del Greco e vedeva la sua nascita nel lontano 1920. Ma la seconda guerra mondiale pose fine alla storia della Torrese, squadra che agli inizi degli anni trenta aveva pure vinto un titolo del campionato di seconda divisione Campania, e nel 1944 nacque quella che ancora oggi è considerata la squadra principale della cittadina a nord di Napoli: la Turris. Il tutto fu realizzato grazie ad un incontro avvenuto al Gran Caffè Palumbo, tra Francesco Coscia, Raffaele Carbone, l’allora arbitro Aniello Mazza, e Amerigo Luguori. Con Liguori primo presidente del sodalizio corallino, a cui gli è dedicato l’attuale stadio. La storia dei colori biancorossi è caratterizzata da un trentennio, quello che va dagli inizi degli anni 70 all’inizio del nuovo millennio, dove stabilmente si è oscillato tra serie C1 e serie C2. Ma al termine della stagione 2000/2001, perdendo lo scontro play out contro il Trecase, la Turris subisce la retrocessione in serie D. E non andrà bene nelle due stagioni successive, dove prima si retrocede in Eccellenza e poi in Promozione. Il campionato di Promozione che segna il punto più basso della storia calcistica dei corallina, non verrà mai disputato perché, dopo aver acquistato il titolo del Gaudianum, squadra della cittadina di Qualiano, verrà ripescata in Eccellenza. Stessa cosa accade la stagione successiva dove la Turris, acquistando il titolo dell’Ercolano si iscriverà al campionato di serie D. Il ritorno in serie C2 è stato sfiorato in due occasioni, nel 2010/2011, perdendo la finale contro il Rimini, e nella stagione 2013/2014 dove perse la semifinale play off contro il Monopoli, intervallando però, con la gioia della vittoria in Coppa Italia di serie D, battendo in finale al ‘Renato Curi’ di Perugia, il Porto Tolle nella stagione 2012/2013, sotto la nuova denominazione di Turris Neapolis. Nel 2014 il titolo di Neapolis torna a Mugnano, e il sodalizio di Torre del Greco, acquista quello del Miano, partendo così dal campionato Eccellenza, dove attualmente occupa la seconda posizione.