Alla scala di Milano si balla la rumba d’ ‘e scugnizze

expo

Una partita stratosferica degli azzurri.

Di: Francesco Pollasto

Alla scala del calcio, va in scena la rumba d”e scugnizze, l’opera lascia il passo al maestro Sarri e la sua orchestra di giovani campioni.

L’orchestra napoletana suona la musica del popolo, e a nulla sono valse le dichiarazioni pre-gara di Montolivo Sappiamo come fermare il Napoli oppure di Mihajlovic che  proponeva in conferenza un Milan agguerrito.

“Chesta è ‘a rumba d”e scugnizze ca s’abballa a tutte pizze…” e ballando ballando il Milan si trova un passivo di 4 gol.

Inizia o’ sarracino come cantava Carosone, Allan e’ malandrino, e’ tentatore, e insacca la prima rete.

E ballando ballando Lorenzo ò guaglione .. si’ ancora accussí giovane! Tu si’ guaglione! Infila la seconda rete .

Intanto il milan continua a ballare la tarantella, non vede palla, ammo bello, jammo bello abballammo sta tarantella cu’ na coppia e ancora n’ata e facimmece sta ballata.

E Tarantella Insigne fa il terzo.

L’etere satellitare e’ a lutto, i commentatori, suonano l’ave Maria, pur di non dare merito al Napoli, mentre il campo si trasforma in una balera con il quarto goal, un autorete figlia della paura, higuain in arera suona “profondo rosso” e i Goblin accompagnano il diavolo all’inferno.

Chi vi scrive, non ha saputo immediatamente apprezzare Sarri, ma, cumm ‘s dice a Napoli: “sultant è sciem nun cagn idea”! BENVENUTO MISTER!