Caos Frattese, le dimissioni di patron Schiano

    Il massimo dirigente del team nerostellato rassegna le proprie dimissioni

     

    In qualità di Presidente della S.S.C.D. Frattese, rassegno in data odierna le mie dimissioni irrevocabili. Tale decisione è per me sofferta, ma altresì necessaria perché non esistono i presupposti necessari per tutelare gli investimenti e gli sforzi sin qui profusi da tutti nell’interesse della salvaguardia del blasone calcistico di Frattamaggiore. Le mie dimissioni seguono quelle degli incarichi di Vergara, Ruggiero e Mele e sono dettate anche da pressione e condizionamenti di natura extra-calcistica, che non hanno favorito lo sviluppo sportivo del progetto calcistico di Frattamaggiore. Altresì le nostre decisioni sono maturate alla luce di alcuni comportamenti ingiustificabili del Direttore Sportivo e dell’allenatore, che hanno volutamente inasprito il rapporto tra società, staff tecnico e calciatori, tra questi cito: la mancata presenza al brindisi natalizio, l’inosservanza a più convocazioni da parte mia e per ultimo il comunicato dei calciatori ed il rifiuto di allenarsi, senza considerare le occasioni in cui vi è stato un utilizzo improprio dello stadio Pasquale Ianniello, in orario di convenzione, per perseguire scopi non societari. Lascio questa carica dopo due anni e mezzo di passione, ricchi di successi ed emozioni, che mi hanno fatto letteralmente innamorare dei colori nero stellati. Ripenso alle storiche vittorie, al calore dei tantissimi tifosi: accantonare un progetto che sempre più mi coinvolgeva, cullato e coccolato insieme ai restanti Soci, fa male. Auguro per tanto, agli stessi i migliori auguri per il prosieguo del campionato sostenendo, ora da tifoso, per le sorti della Nerostellati Frattese.

    Fonte: sscfrattese.it