16 cose su: Napoli-Fiorentina

    16 cose che ho visto

    Il giornalista Luca Cirillo, ha pubblicato 16 consideazioni post Napoli-Fiorentina

    16 cose al caciucco…

    1) Dalla prima lettera di Banti ai Fenici: “Voi che avete ispirato il famoso piatto, aiutatemi a mascherare la zuppa mitigando la puzza di pesce”.

    2) In tempi non sospetti avevamo sentito l’odore della Fiorentina. Ma questo Napoli è addore ‘e mare. E dunque il confronto finisce qui. Per ora…

    3) Nella ricetta il Pepe è un dovere. Se poi mettete il Pepe Reina, andate sul sicuro.

    4) Allan è olio d’oliva extravergine, buono in cottura e a crudo.

    5) Un polpo straordinario il nostro Kalidou, c’è la sua firma su questa vittoria: ha sputato sangue e inchiostro. Tentacolare.

    6) Ad Albiol piace la paella. Quelli che l’hanno infangato sono ‘nzevati ‘e tiella!

    7) Quella palla di Marekiaro è il famoso bicchiere di vino che non deve mai mancare.

    8) Ghoulam e Hysaj, seppie e calama(r)i.

    9) Devo chiedere al mio amico Bruno Sganga (tra i pochi giornalisti al mondo che può dirlo) se uno champagne si può abbinare al caciucco. E, nel caso specifico, pensando ad Higuain, quale potrebbe essere.

    10) Insigne ha pescato le cozze migliori e le ha messe a disposizione dei commensali.

    11) Il Callejon di oggi è sembrato un pesce fuor d’acqua, ma dint”a panza s’ammesca.

    12) Complimenti vivissimi allo chef Sarri che ha dato al Napoli una importante qualità tra le tante: saper soffrire con eleganza. La famosa leggerezza del buon vivere e della buona tavola.

    13) Quanto ho amato Sousa, un calciatore superlativo nonostante i colori indossati in Italia. Bravo anche come allenatore. Deve però trovare un’identità a prescindere dalla capacità di lettura delle mosse avversarie.

    14) Renzi avrebbe gradito molto una bella mangiata al San Paolo. Si accontenterà di ordinare un caciucco dalle sue parti. Quello buono costa anche meno di 80 euro, e poi basta strisciare la carta di credito del popolo italiano.

    15) Aurelio caro, caro Aurelio, a gennaio si trovano ottime code di rospo sul mercato. Anche la coda è fondamentale.

    16) De Magistris, non scherzare con il pane, il prezzemolo e il peperoncino. Ogni ricetta di livello che si rispetti rimarca il famoso q.b.