15 considerazioni post Fiorentina Napoli

    15 considerazioni su Fiorentina Napoli

    Considerazioni da pugile suonato in apnea…

    Il giornalista Luca Cirillo, propone 15 considerazioni, tra il serio e il faceto, su Fiorentina Napoli.

    Da Sarri in versione Tognazzi, alle magie del Pipita, da Borja Valero alter ego di Don King, a Sousa che assume le fattezze di Patrizio Oliva. 15 considerazioni , 15 momenti di riflessione.

    Di Luca Cirillo

    15 considerazioni su Fiorentina Napoli

    1) Azzurri fatti viola, diciamolo. Ma bravi a restare con orgoglio sul ring appoggiandosi alle corde.

    2) Higuain sentiva di avere ancora qualche cazzotto da dare. Sarri ha lanciato una specie di asciugamano. E Mohammed Pipita non se l’aspettava.

    3) Allan sembrava Vittorio Gassman nel film “I Mostri”, episodio “La nobile arte”. Sarri in versione Ugo Tognazzi. Per pochi appassionati.

    4) Tatarusanu travestito da pungiball, nessun dolore in quell’uno due che poteva mettere al tappeto i viola. I viola fatti viola sarebbe stato troppo. Ma ci poteva pure stare.

    5) Borja Valero straordinario, è lui il Don King dello spettacolare incontro di questa sera. E ogni tanto ha indossato anche i guantoni alla Joe Frazier.

    6) Sousa di classe, leggero ma ferrigno, alla Patrizio Oliva.

    7) Callejon potrebbe essere contemporaneamente l’autista dell’auto che segue il pugile mentre corre e il pugile stesso.

    8) Insigne vola come una farfalla e punge come un’ape. Lorenzo quando si chiamava Cassius.

    9) E’ evidente che di boxe ne capisco pochissimo. Ed è uno sport che nemmeno mi appassiona. Mai come in certi casi le full immersion servono.

    10) Si potrebbe parlare anche di immersione in apnea. Jorginho e Hamsik hanno stabilito il nuovo record mondiale: 93’ a bocca aperta.

    11) Chalobah, cosa c’è che non va? Il ragazzo ha qualità superiori a David Lopez, eppure non gli viene concesso nemmeno un tuffo in piscina. O sul ring, se volete.

    12) Il match sarà finito solo al trentottesimo round, caro Napoli. Ai punti siamo solo tre lunghezze sotto. La Juve si può colpire ancora.

    13) “Se c’è una magia nella boxe è la magia di combattere battaglie al di là di ogni sopportazione, al di là di costole incrinate, reni fatti a pezzi e retine distaccate. È la magia di rischiare tutto per realizzare un sogno che nessuno vede tranne te”.

    14) “Più colpi prendi e più picchi duro, solo che adesso prendi troppi colpi ma non vuoi mollare!”

    15) “Solo nelle profondità dell’abisso riesco a placare la mia bestia interiore”.