Gazzetta dello Sport: “Benitez adesso rivolta il Napoli”

     

    Molto meglio il sorriso che lo sguardo irritato di sabato scorso. Stavolta il confronto con la critica è stato sereno, Rafa Benitez non ha cercato i nemici nell’ora che ha dedicato alla vigilia dell’esordio in Europa League.

     

    La sconfitta col Chievo l’avrà provato parecchio, così come le critiche che l’hanno accompagnata. E allora, meglio spiegare che attaccare: il parlare chiaro serve per intendersi. Della sfida di stasera con lo Sparta Praga, per la verità, s’è capito soltanto che ci sarà un robusto turnover, che Gonzalo Higuain verrà risparmiato per averlo in perfette condizioni domenica, a Udine, e che non sarà più possibile sbagliare. «Non possiamo sempre vincere 5-0 alla fine del primo tempo. Dobbiamo metabolizzare questo tipo di aspettative e rimanere lucidi, perché si può fare gol anche all’ultimo secondo», ha osservato l’allenatore spagnolo ritornando sulla sconfitta col Chievo.

     

    Vietato sbagliare «Il prossimo impegno è quello che conta», ripete spesso Benitez. E quello di stasera vale tantissimo, perché l’Europa League resta un obbiettivo per questa stagione. E non solo. Battere lo Sparta Praga potrebbe servire per risollevare il morale della gente, più che mai a terra dopo l’eliminazione dalla Champions League e la sconfitta interna col Chievo. Sa bene, l’allenatore spagnolo, che il suo Napoli non potrà sbagliare, altrimenti gli toccherà difendersi da nuove accuse. «Dobbiamo passare il girone di Europa League, abbiamo le qualità per centrarlo. Ho esperienza in questa competizione ed è importante partire bene nel girone. Lo Sparta Praga non ha nulla da perdere, è la squadra più forte del suo Paese e gioca da sempre in Europa. L’ho affrontata con il Chelsea e sono state due partite difficilissime».

     

    Turnover Ci sarà, ed anche in maniera robusta. Saranno diversi i titolari che si divideranno tra panchina e tribuna. In difesa, Maggio e Zuniga dovrebbero fare spazio a Mesto e Britos, mentre al centro, Albiol potrebbe riposare in favore di Henrique. Lo spagnolo ha avuto un inizio di stagione disastroso, nel doppio confronto con l’Athletic Bilbao e nella prima interna col Chievo, ha contribuito in maniera determinante al risultato negativo. A centrocampo potrebbe ricomporsi una coppia che sa tanto di antico: scontata l’assenza di Jorginho, affaticato, al fianco di Inler dovrebbe giocare Walter Gargano, contestato dal pubblico anche domenica, pur non avendo giocato. Per David Lopez si prospetta la panchina se non la tribuna. Anche in attacco ci sarà una mini rivoluzione. Callejon e Insigne dovrebbero cedere le rispettive posizioni a De Guzman e Mertens, mentre Higuain verrà rimpiazzato da Duvan Zapata. «I nuovi li inserirò piano piano. Siamo all’inizio della stagione, dobbiamo gestire bene le energie», ha confermato Benitez.

     

    La Gazzetta dello Sport